NOSTRA  META  IL  MONDO  UNITO

 

Nel 1978, a pochi mesi dalla scomparsa del Professor Giorgio La Pira, l’Arcivescovo di Firenze, Card. Giovanni Benelli, costatava la solitudine, l’amaro disorientamento, le difficoltà concrete dei molti studenti esteri universitari presenti in città, particolarmente – come si diceva allora – di chi proveniva dai Paesi in via di sviluppo.
Volle dar vita ad un Centro Internazionale che dedicò significativamente a Giorgio La Pira – già Sindaco della città e grande uomo di pace – mettendo a disposizione alcuni bei locali nel centro storico.
 
Il Centro divenne subito luogo di accoglienza fraterna dei giovani internazionali e luogo d’incontro e di dialogo tra chi giungeva a Firenze da tante parti del mondo ed era diverso per abitudini, per cultura o per religione.
 
In questa Azione, si recuperava il percorso virtuoso dell’Umanesimo fiorentino, cercando di vivere l’Anima cristiana di Firenze, offrendo una piccola porta aperta su  un’Europa pronta a dare, ma anche a ricevere, a imparare da tutti.
 
Per l’animazione e la gestione di un’opera così nuova, che avrebbe dovuto coinvolgere l’intera Diocesi con il Volontariato, il Cardinal Benelli chiese aiuto a Chiara Lubich e ai membri del Movimento dei Focolari, che risposero subito con entusiasmo.
 
Da allora il Centro è mutato ed è cresciuto, proponendo svariate attività formative e culturali, svolgendo un servizio sociale molto apprezzato perché attento alla dignità della Persona, e davvero numerosi sono i suoi frequentatori.
 
Ma il sogno che lo anima resta sempre lo stesso: è il Sogno del Vangelo, l’Ideale della fraternità universale, il sogno della Pace… che ha di fronte a sé la Meta del Mondo Unito.
 

DIRETTORE E CONSIGLIO DEL CENTRO

maurizio-certini
Maurizio Certini
Direttore del Centro

romano-tiraboschi
Romano Tiraboschi
Consiglio del Centro

oriana-giantini
Oriana Giantin
Consiglio del Centro

STATUTO

– Associazione di Diritto Canonico –

 

Art. 1            Il Centro Internazionale Studenti Giorgio La Pira (in seguito detto Centro), voluto nel 1978 dal Cardinale Giovanni Benelli, è una Associazione privata di fedeli. Essi fanno parte dell’Opera di Maria o Movimento dei Focolari e di altre congregazioni religiose, associazioni e movimenti che condividono lo spirito di unità universale dell’Opera di Maria. L’Associazione è costituita e regolata dalle norme del Diritto Canonico e dal presente Statuto.

Art. 2            Lo scopo del Centro è quello di accogliere, secondo i principi della carità cristiana e le indicazioni del Concilio Vaticano II, gli studenti stranieri per offrire loro assistenza morale, sociale, legale ed economica nei limiti in cui sarà possibile e soprattutto far scoprire l’anima cristiana di Firenze, servendosi di tutte le energie opportune.

Art. 3            Per la realizzazione dei suoi scopi il Centro promuove attività didattiche, culturali e di animazione cristiana e collabora con enti pubblici e privati per la promozione dei servizi sociali.

Art. 4            Il Centro ha la sua sede a Firenze, in Via de’ Pescioni n.3.

Art. 5            Sono organi del Centro: il Direttore, il Consiglio e l’Assemblea dei Soci.

Art. 6            Il Direttore è nominato dall’Arcivescovo di Firenze, sentito il parere della Presidente dell’Opera di Maria, tra i soci dell’Associazione.

Art. 7            Il Direttore è assistito da un Consiglio composto di tre membri, eletto dall’Assemblea.

Art. 8            L’iscrizione come socio al Centro avviene su domanda rivolta al Direttore, che l’accetta o la respinge sentito il parere del Consiglio, senza essere tenuto a motivare la decisione.

Art. 9            Il Consiglio composto di tre membri delibera, d’intesa col Direttore, riguardo all’ordinaria amministrazione del Centro, alla predisposizione dei bilanci, all’ammissione dei soci ed alla redazione del Regolamento.

Art. 10            Il Consiglio si riunisce almeno tre volte all’anno.

Art. 11            Il Direttore dura in carica tre anni e può essere riconfermato.

Art. 12            L’Assemblea dei soci si riunisce almeno una volta l’anno per deliberare sulla Relazione concernente l’attività del Centro e sul Bilancio predisposti dal Consiglio.

Art. 13            L’Arcivescovo di Firenze nomina, sentito il parere del Direttore, l’Assistente Ecclesiastico del Centro.

Art. 14            Qualsiasi modifica statutaria deve essere deliberata dall’Assemblea dei soci e confermata dall’Arcivescovo di Firenze.

Art. 15            La cessazione dell’Associazione può essere disposta con decreto dell’Arcivescovo di Firenze.

 

Firenze, 8 settembre 1993