PREMESSA

La musica è un linguaggio che è diventato, specie per le generazioni giovanili, un veicolo dalle potenzialità enormi. Anche nell’ambito dell’Educazione interculturale, il linguaggio della musica e della danza, l’uso degli strumenti caratteristici,i materiali con cui sono costruiti, richiamando luoghi e tradizioni di popoli “diversi”, si è svelato un mezzo importantissimo per avvicinare e conoscere vari aspetti delle culture dei popoli. Molti popoli costruiscono i loro strumenti musicali con tecniche semplici e con materiali poveri facilmente reperibili nel loro ambiente. Da qui l’invito di imitare la costruzione di tali strumenti usando materiali di scarto abbondantemente reperibili nelle società dei consumi come la nostra.

OBIETTIVI

La conoscenza di tradizioni e culture di popoli diversi attraverso la conoscenza dei loro strumenti musicali. E’ molto importante ed educativo, per bambini e adolescenti, mettere in moto le proprie capacità manuali per produrre, con materiali di scarto, degli oggetti belli e funzionali. Il recupero, in tal modo, di tali materiali avrà una valenza importante dal punto di vista dell’educazione allo sviluppo, facendo prendere coscienza del valore delle risorse e del problema dello spreco. Ai fini educativi è importante, inoltre, che il prodotto oltre a risultare bello, possa essere usato per la sua funzione specifica: il suonare, il far musica. L’attività dovrà quindi prevedere dei momenti musicali dove gli strumenti costruiti saranno i protagonisti (canti, danze, commenti sonori per drammatizzazioni, ecc.).

METODI E MEZZI DIDATTICI

I nostri progetti e preventivi possono essere richiesti rivolgendosi all’indirizzo e-mail: progetti@cislapira.it

E’ previsto un incontro con gli insegnanti per concertare le varie fasi dell’attività: la scelta del tipo di strumenti da costruire secondo l’età degli allievi e la disponibilità di spazi e attrezzature disponibili per l’attività manuale (la scelta viene fatta su una gamma di 25 Strumenti cordofoni , idiofoni, membranofoni e Aerofoni). Gli allievi avranno sempre a disposizioni la serie di strumenti originali dei quali si imita la costruzione. – Saranno dedicati 2 incontri in classe  di due ore alle fasi di costruzione degli strumenti scelti e 1 incontro di due ore all’esecuzione in classe di musiche finalizzate all’uso degli strumenti costruiti. – Per ognuno degli strumenti scelti per la costruzione, l’insegnante avrà a disposizione una specifica scheda con note storiche e culturali legate all’etnia di provenienza, i materiali originalmente usati, le varie fasi tecniche della costruzione ed esempi musicali per l’utilizzo.